Avvisi Gite

Avviso Aprile 2019 e gite estive

Pubblicato il
DOMENICA 7 APRILE: ANTICA STRADA VALERIANA.

Lago D’Iseo da Pisogne a Marone

Partenza da Almenno San Salvatore alle ore 7.30 in direzione Pisogne (BS).

Lasciate le auto nel posteggio antistante la stazione ferroviaria di Pisogne ci si incammina sul lungolago fino alla piazzetta centrale del paese dove è possibile fare colazione.

Si prende ora un caratteristico viottolo di Pisogne che ci conduce alla frazione Govine. Ora la strada si fa più ripida e, superate le ultime case, ci si addentra in un bellissimo bosco di castagni da dove si vedono alcuni scorci del lago con il porticciolo di Pisogne e sulla sponda opposta Costa Volpino e le colline che sovrastano il lago sulla sponda bergamasca.

Proseguendo su ripide stradine sterrate si giunge dapprima alla contrada Sedergno dove sorge la bella chiesa di San Bartolomeo (1 ora dalla partenza) e, dopo breve sosta, si prosegue sempre su stradine sterrate e ripidi sentieri fino alla croce di Zone (mt 902 di altitudine). 2 ore dalla partenza.

Si scende ora su una stradina in selciato verso il paese di Zone che si raggiunge in circa 30 minuti. Nel percorso si incontra una chiesetta del 1.600 e una parete rocciosa dove sono visibili le impronte di dinosauri.

Giunti all’entrata del paese ci si ferma in un parco con alcune panchine e giochi per bambini per il pranzo al sacco.

Ripreso il cammino si attraversa il paese di Zone (pausa caffè presso bar “il centrale”) proseguendo poi su un sentiero tra i prati che ci permette di superare una valletta e arrivare alla strada che porta a Marone.

Percorrendo la strada si giunge prima alla chiesetta di San Cassiano e successivamente in frazione Cislano alla chiesa di San Giorgio dove sono visibili antichi affreschi.

Proseguendo il cammino si arriva ad un punto panoramico dove possono essere ammirate le famose piramidi di Zone. Siamo ormai vicino a Marone che raggiungiamo in circa 1 ora di comoda mulattiera con vista sul lago sottostante passando dalla frazione Colpiano.

A Marone con il treno della Valle Camonica in circa 10 minuti raggiungiamo Pisogne dove sarà possibile ammirare la chiesa del 1400 con affreschi del Romanino e fare una sosta lungo il lago prima del ritorno ad Almenno. 

Tempo di percorrenza: ore 5 senza le soste;

 Dislivello totale mt 950 circa;

Attrezzature: scarponcini da trekking e bastoncini

Punti di appoggio: Zone (circa a metà percorso)

Escursione per tutti valutando il dislivello totale che viene percorso nella prima parte del tragitto: T2

Per informazioni: Locatelli Claudio (334 5236190) – Rota Lorenzo (3347704766)

 

 

DOMENICA 7 APRILE: FALESIA

 

Per motivi organizzativi, la data di questa gita è modificata rispetto a quanto previsto a calendario.

Ritrovo ore 7.30 dal parcheggio del cimitero di Almenno San Salvatore in direzione Chiavenna.

La nostra meta saranno le falesie nei dintorni di Uschione, grazioso borgo proprio sopra Chiavenna, praticamente raggiungibile in auto.

Lì potremo arrampicare su gradi semplici (max 5c), con avvicinamenti molto brevi e su splendido granito della Valchiavenna.

 E’ possibile portare anche famiglie che possono fare pic-nic ad Uschione, od eventualmente pranzare in una delle due Osterie presenti nel borgo.

Materiale necessario: casco, imbrago, scarpette da arrampicata, corda.

Chi ne fosse sprovvisto può contattare uno dei capogita ai numeri sotto riportati.

Non è previsto pregita, ma è necessario iscriversi telefonando ai capogita entro venerdì 5 aprile in modo da organizzare il materiale necessario, ed avere la lista dei partecipanti da avvisare in caso di cambio mèta.

Per info: Luca 338/7993852  Giorgio 335/6626590

 

 

LUNEDì 22 APRILE: PASQUETTA A S. PELLEGRINO TERME (AL PIA’)

Partenza dal parcheggio del cimitero di Almenno San Salvatore alle ore 10.00 con direzione S. Pellegrino Terme. Giunti in prossimità di S. Pellegrino Terme, alla rotatoria che precede la galleria, prendere l’uscita di sinistra che porta verso il paese e al primo ponte svoltare a destra, seguendo per località Pregalleno; parcheggiare l’auto oltre il ponte, sulla sinistra.

Ha inizio qui la breve passeggiata che inizialmente su carreggiata e poi seguendo il sentiero CAI n. 594, ci porterà in circa 30 minuti di cammino alla nostra meta: un prato immerso nel verde in località Al Pià, dove confidando in una bella giornata di sole, potremo consumare in allegra compagnia il tradizionale pic-nic di Pasquetta. Per chi desiderasse camminare un po’ di più, da località Al Pià proseguendo su sentiero CAI n.594 è possibile raggiungere località Spino al Brembo (40 minuti) o Pizzo Spino (2 ore). Libero il rientro. Difficoltà: T1

Per Informazioni: Margherita Zanini (035/640605) – Silvia Garavaglia (035/640490)

 

N.B. LUNEDì 8 APRILE PRESSO LA SEDE GAMASS ALLE ORE 21 RIUNIONE ORGANIZZATIVA PER LA GITA ALL’ISOLA D’ELBA PER DETTAGLI ORGANIZZATIVI E SALDO QUOTA DI PARTECIPAZIONE.

 

Sabato 13 aprile: Attività con le scuole – mattinata sul fiume

Seconda uscita organizzata per i ragazzi delle scuole, nello specifico con le classi 3° elementari, saremo impegnati in una passeggiata sul fiume Brembo per conoscere flora, fauna e attività produttive del territorio. L’iniziativa è pensata in collaborazione con gli amici di Roch che coinvolgeranno come lo scorso anno pescatori, apicoltori e altre realtà interessanti da mostrare ai ragazzi. Ritrovo ore 8.15 alle scuole elementari, rientro per le 12.30. Si è pregati di dare le propria adesione a Locatelli Marco 3284331377.

 

————— GITE ESTIVE ALPINISTICHE 2019  —————–

IMPORTANTE: poiché le gite sotto descritte comportano uscite in ambiente di medio/alta montagna, per la buona riuscita delle stesse riteniamo necessario richiamare il rispetto delle seguenti regole: 

  1. Abbigliamento e attrezzatura adeguata d’alta montagna ove richiesto dal capogita
  2. Versamento di caparra al momento dell’iscrizione da effettuarsi in sede fino ad esaurimento posti. 
  3. Assicurazione obbligatoria
  4. Iscrizione obbligatoria al gruppo GAMASS

 

Comunichiamo che rispetto al programma originale è cambiata la data della gita al Gran Sasso, a seguire programma dettagliato:

 

SABATO 13 – DOMENICA 14 LUGLIO: GRAN SASSO

 

Sabato 13 luglio: ritrovo al parcheggio del cimitero di Almenno S. Salvatore con direzione Campo Imperatore (2100 m), Aquila, con Albergo e osservatorio e dove lasceremo l’auto. Tramite semplice sentiero si sale al rifugio Duca degli Abruzzi, 40 minuti, dove è prevista cena e pernottamento. Volendo si può allungare la camminata salendo al vicino Monte Portella per godere dei bellissimi panorami sui diversi versanti di questo massiccio.

Domenica 14 luglio: si attraversa a mezzacosta il versante E del Portella e risale con ripidi tornantini fino alla Sella di Monte Aquila (q. 2335 m – 0,30 h dal rifugio). Da qui si prosegue sul sentiero n° 2, lasciando sulla destra le indicazioni per la Direttissima ed affrontando la ripida e sassosa salita per la Sella del Brecciaio (q. 2506 m – 0,45 h dalla Sella di M. Aquila).

Dalla Sella del Brecciaio si prosegue verso la Conca degli Invalidi (q. 2615 m), quindi si seguono le indicazioni per la Via delle Creste (targa metallica), che si imbocca con una deviazione a destra (SW – sentiero n° 3A) e risalendo un breve tratto di roccette a tratti frantumate. Seguendo i bollini rossi e gialli che identificano l´esile traccia su roccia, si guadagna in breve la cresta; proseguendo con ripetuti attraversamenti da un lato all´altro del filo di cresta, alternando passaggi su roccia (I) con discreta esposizione a tratti su breccia e rocce rotte, si giunge ai piedi della cima. Poco prima di confluire sull´ultimo tratto della via normale, con il quale si guadagna la vetta (m. 2912). Per la discesa si seguirà la via normale.

Dislivello: circa 1000 metri – Difficoltà: F – Materiale: ramponi, caschetto; valuteremo in loco in base alle condizioni cosa è necessario portare. Tempo necessario per intero percorso: circa 6,5 h con molta calma per godere fino in fondo del maestoso panorama che ci circonda.

Bellissima escursione alla scoperta dei paesaggi e ambiente del Re dell’Appennino.

Posti disponibili: 12, le iscrizioni si ricevono in sede con versamento di caparra di 20 Euro da lunedì 1 aprile fino a esaurimento posti. Riunione pre – gita per note organizzative lunedì 8 luglio alle ore 21 in sede.

Per ulteriori informazioni: Marco Locatelli (3284331377) – Ivonne Rota (3395458036)

 

SABATO 31 AGOSTO – DOMENICA 1 SETTEMBRE: MONTE DISGRAZIA

 

Sabato 31: Partenza da Almenno San Salvatore con direzione Piana di Preda Rossa (m. 1955). Dalla Piana di Preda Rossa seguire le indicazioni per il rifugio Ponti lungo il sentiero che dapprima costeggia la bellissima piana sul lato destro (orografico) e successivamente risale i pendii sovrastanti, prima nel bosco e poi tra prati e roccette. Superato il primo tratto, il sentiero prende velocemente quota giungendo infine al rifugio Ponti  (m. 2559 – 2h dalla partenza).

Domenica 1: Dal rifugio si sale prima lungo i pendii che fiancheggiano la morena del ghiacciaio di Preda Rossa e poi in cima alla morena per stretto sentiero, un po´ esposto. Dopo circa un´ora dal rifugio si tocca per la prima volta il ghiacciaio dove si indossano i ramponi e ci si lega. Il ghiacciaio va affrontato sul suo lato sinistro costeggiando una bella bastionata granitica. La salita inizialmente in dolce pendio acquista maggiore pendenza per poi terminare alla suggestiva sella di Pioda (3387m). Da qui piegare verso destra, aggirando il primo risalto roccioso e raggiungendo così la cresta tramite un canalino (percorribile solo se innevato, in caso contrario è consigliabile attaccare direttamente il risalto roccioso). Seguire ora il filo di cresta, a tratti affilata ed aerea, che alterna tratti di roccia con altri di neve fino al grande testone roccioso del “cavallo di bronzo” che precede di poco la vetta. Si può optare di scalarlo direttamente (III°) oppure di aggirarlo sul versante S. Superata questa ultima difficoltà per facili roccette e neve si tocca la vetta. (m. 3678).

Il monte Disgrazia è una montagna delle alpi Retiche occidentali alta 3678m. Situata nelle provincia di Sondrio, è una delle vette principali della Valtellina centrale. Costituisce lo spartiacque tra la Valmalenco e la Val Masino, ed è adiacente ad altri importanti massicci, primo tra tutti quello del Bernina. Il Disgrazia appare decisamente imponente grazie alla sua notevole altitudine e alla copertura glaciale rispetto alle cime circostanti.

Materiale obbligatorio: imbrago, corda, ramponi, picozza, casco e abbigliamento d’alta montagna.

Le iscrizioni si ricevono in sede con versamento di caparra di 20 Euro da lunedì 1 aprile fino a esaurimento posti.

Difficoltà: PD. Riunione pre – gita lunedì 26 agosto alle ore 21 in sede.

Per informazioni: Galizzi Luigi (3395752332) – Roncalli Antonietta (3473284725)